Windows 10: tutto quello che c’è da sapere

Windows 10 sarà il nuovo grande punto di partenza di Microsoft: un sistema operativo unico per PC, smartphone e tablet, console e nuovi dispositivi, come gli occhiali olografici annunciati quest’oggi, Microsoft HoloLens.

Windows 10 per mobile

Parlando di mobile, il grande protagonista atteso, Joe Belfiore ha mostrato innanzitutto le app universali: Outlook, Calendario, Contatti, Office in versione touch, Foto. Ogni applicazione avrà la stessa interfaccia su PC, su laptop con schermo touch oppure su smartphone. La schermata Start di Windows 10, il cui nome rimane tale anche per mobile, su smartphone rimane perlopiù invariata. Con la nuova versione, però, si potranno aggiungere gli sfondi personalizzati dietro le tile e non sull’icone stesse; il Centro Notifiche sarà sincronizzato con quello PC; l’applicazione Foto verrà migliorata integrando le foto di OneDrive e un sistema di gestione automaticamente degli album così come un editor basilare per eliminare occhi rossi e migliorare la luminosità delle foto. Office sarà preinstallato nella nuova versione ottimizzata per gli schermi touch e che include l’intero pacchetto sofware principale: Word, Excel e Powerpoint.

Quando arriverà Windows 10 sugli smartphone e i tablet? A febbraio. Microsoft non è stata più precisa, comunicando solo che il prossimo mese si potrà scaricare una versione preliminare (e quindi potenzialmente affetta da bug e altri problemi) se iscritti al programma Windows Insider, un’iniziativa a cui si sono iscritti 1,7 milioni di utenti. La prossima settimana verrà invece distribuita la nuova build di Windows 10 per PC.

Windows 10 per PC

win10_windows_startscreen2_Web

Per quest’ultimo, si è parlato di Cortana, l’assistente virtuale che, ufficialmente, sbarcherà su ogni dispositivo PC Windows 10. Le sue funzionalità saranno perlopiù le stesse di quelle Windows Phone, ma Microsoft ha voluto accertarsi di non trasporre semplicemente l’esperienza mobile e “incollarla” su PC. Ad esempio, il nuovo browser, ancora noto come Project Spartan, integrerà completamente Cortana. Digitando alcune parole chiave nella barra di ricerca, ad esempio, Cortana ricorderà eventuali voli precedentemente prenotati. Navigando sul web, si potrà anche chiedere le calorie di un cibo solo cliccando sul tasto destro sulla parola.

Windows 10 sarà gratuito per il primo anno di disponibilità sia per gli utenti Windows 8.1 che per quelli fermi a Windows 7. Una decisione saggia, la potremmo definire, che permetterà a centinaia di milione di persone di testare la nuova versione senza costi e scoprire il nuovo mondo Microsoft, che spera, così, di attirare l’utente nel suo ecosistema: Skype, Office, OneDrive, Xbox.

Xbox One e Windows 10

Si è parlato di videogiochi. L’app Xbox arriverà su PC Windows 10 e tablet. Sarà possibile accedere alla Lista Amici, alle Attività Recenti e ai Miei Giochi da quest’app per gestire più facilmente il proprio profilo. Soprattutto, ogni PC e tablet Windows 10 permetterà di giocare in streaming con Xbox One usando un altro dispositivo. In una breve dimostrazione, Phil Spencer ha giocato a Forza Horizon 2 usando un Surface Pro 3. Rimanendo in tema di videogiochi e Windows 10, Spencer ha mostrato anche il multigiocatore cross-platform tra Xbox One e PC. Un esempio è Fable Legends, gioco di ruolo online che sarà commercializzato nel corso dell’anno.

Occhiali olografici e “nuove esperienze”

Microsoft però è voluta andare oltre, annunciando due nuovi dispositivi: una TV da 84″ dotata dell’interfaccia Surface Hub, principalmente pensata per i professionisti che hanno bisogno di tenere le riunioni con Skype for Business, e un paio di occhiali olografici, HoloLens. Questi ultimi sono dotati di lenti trasparenti grazie a cui possono far “comparire” ologrammi virtuali nel mondo reale. Questi vengono generati da un processore olografico appositamente creato. Con Holo Studio, un software disponibile con gli occhiali, si potranno creare rapidamente modelli 3D. Durante la presentazione, è stato disegnato un quadricottero usando solo gli occhiali, la vista e le dita per interagire con il software. Un “modo nuovo di vedere il mondo”, secondo Alex Kipman di Redmond.

Quando è stato il momento di Satya Nadella, ha definito questo “un grande giorno per Windows”. L’amministratore delegato ha tirato le somme riguardo Windows 10 e la necessità di “dare a ognunn la possibilità di fare di più”. Windows 10 “è un nuovo modo di intendere il rapporto tra Microsoft e i suoi utenti”, secondo Nadella, che ha ribadito che “la casa per il meglio di Windows è Windows”. Cortana, Skype, Office, Xbox Live; queste applicazioni native sono ciò che rende grande Windows, ha voluto sottolineare il CEO scacciando le malelingue che lamentano una Microsoft meno attiva sul fronte Windows e più propensa a supportare gli altri sistemi operativi, in particolare quelli mobile come Android.

Post author

Inserisci un commento